Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
LILSI Dipartimento di Lingue, Letterature e Studi Interculturali

Sezione di Iberistica



Comitato scientifico
Martha Luana Canfield (Referente)
Piero Ceccucci
Arianna Fiore
Silvia Del Valle Lafuente
Maria Carlota Nicolas Martinez
Maria Grazia Profeti
Ana Tobio Sala
Salomé Vuelta Garcia

Segreteria della Sezione
Martha Luana Canfield (Referente)
Arianna Antonielli (Laboratorio edit. OA)
via S. Reparata 93, 50129 Firenze
tel. 055/2756664
email: segreteria@bsfm.unifi.it
web: http://www.collana-filmod.unifi.it/index.html 


Volumi in programmazione
- Martha Luana Canfield (a cura di), Perù frontiera del mondo. M. Vargas Llosa e J. E. Eielson: dalle radici all'impegno cosmopolita, (Atti del convegno Perù frontiera del mondo, Firenze 26-28 ottobre 2008), FUP, Firenze 2011.
Il volume Perù frontiera del mondo. Vargas Llosa e J. E. Eielson: dalle radici all'impegno cosmopolita è frutto dell'impegno delle tante voci che dettero il loro contributo durante i lavori del congresso "Perù frontiera del mondo", svoltosi a Firenze dal 26 al 28 ottobre 2008. Esso propone, attraverso lo sviluppo di tre sezioni, un'analisi dell'opera degli autori eponimi del convegno, Mario Vargas Llosa da un lato e Jorge Eduardo Eielson dall'altro, oltre che un parallelo tra i due artisti. Per quanto riguarda l'opera di Vargas Llosa, il volume mette in risalto aspetti meno noti del corpus del Premio Nobel, come la sua traiettoria saggistica (Canfield) e teatrale (Cusato), la narrativa meno conosciuta in Italia (Febles), il suo rapporto con il mito (Rocco) e la letteratura antica (Grilli), e lo spazio dedicato alla questione di genere (De Sarlo). La sezione dedicata a Jorge Eielson dà prova della poliedricità di questo artista e poeta peruviano tanto legato all'Italia (ricordiamo che visse pressoché ininterrottamente nel nostro paese dal 1951 al 2006, anno in cui venne a mancare): la sua produzione plastica (Ciabatti, Iacuzzi, Tagliaferri), la traiettoria poetica (Melis), gli interessi molteplici, perfino nell'ambito matematico (Boi), e ancora, l'incursione nel genere del romanzo (Chiappini), sono alcuni dei temi approfonditi in questa parte del volume. L'ultima sezione ci permette invece di rileggere l'opera di questi due possenti autori attraverso un'ottica che li unifica e li rispecchia l'uno nell'altro: la comunanza limegna delle origini (Minardi), la produzione narrativa (Perassi) e lo sforzo culturale per contribuire alla costruzione di un mondo migliore attraverso l'arte (Marcheschi). Da segnalare il carattere umano, oltre che accademico, che costituisce forse il tratto distintivo di questa raccolta di saggi: tanto Vargas Llosa come Eielson prendono la parola, fisicamente o metaforicamente, rivelandoci il loro lato più fresco e vivo grazie all'aiuto di colleghi e amici. A questo proposito, segnaliamo per quanto riguarda la prima sezione il colloquio tra Vargas Llosa e José Miguel Oviedo, suo critico e amico d'infanzia, trascritto fedelmente dalle registrazioni del convegno; nel caso di Eielson è Martha Canfield, sua traduttrice, presidente del Centro Studi Jorge Eielson e soprattutto amica di una vita, a parlare al lettore di un Eielson artista, poeta ma soprattutto uomo, in una sorta di sigillo alla seconda sezione dell'opera. Non vi è dubbio che questo volume non solo costituirà un punto di riferimento fondamentale per il mondo accademico italiano ed internazionale (il libro è stato pensato in edizione bilingue italiano e spagnolo), ma risulterà sicuramente di grande interesse anche per un pubblico più vasto, data la curiosità sempre crescente nei confronti della letteratura ispanoamericana in generale e di Mario Vargas Llosa in particolare (specie dopo l'assegnazione del premio Nobel lo scorso anno), e data la qualità intrinseca di quest'opera, che coniuga la riflessione letteraria con l'attenzione per le arti plastiche e l'idea stessa, in senso lato, di una cultura senza frontiere.

 

 
ultimo aggiornamento: 06-Feb-2013
Unifi Home Page

Inizio pagina