Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
LILSI Dipartimento di Lingue, Letterature e Studi Interculturali

Profilo del corso

 

Profilo del Curriculum Bilaterale in Studi Italo-Tedeschi, livello BA e MA


La società dei vari paesi europei si apre sempre di più verso un'Europa unita, dove i legami diventano sempre più stretti. I rapporti culturali bilaterali tra l'Italia e la Germania sono in costante aumento. Di conseguenza conoscere il tedesco, che è la lingua madre più parlata nell'Unione Europea, è un grande vantaggio e apre nuove opportunità - specialmente nel mercato del lavoro.
L'interesse reciproco si basa sia sulla vita culturale e intelettuale che su quella economica, dato che la Germania è il partner commerciale più significativo per l'Italia. La presenza tedesca in Italia a livello istituzionale e culturale è unica al mondo. Questo si manifesta anche nelle numerose istituzioni tedesche presenti sul territorio e nei vari gemellaggi fra le università italiane e tedesche, tra cui quello tra le università di Firenze e di Bonn è stato un progetto pilota a livello europeo.
Dal 2008 chi studia alla Facoltà di Lettere dell'Università di Firenze o alla Philosophischen Fakultät der Universität Bonn ha la possibilità di conseguire il un titolo, rispettivamente valido in entrambi i paesi, in tutti e tre i livelli di formazione.


Peculiarità
- Doppio titolo (Laurea Triennale e Bachelor of Arts / Laurea magistrale e Master of Arts)
- Studio presso l'Università di Bonn di almeno un anno nella triennale e almeno un semestre nella magistrale
- Alto numero di borse Erasmus, dell'Università di Firenze e del DAAD
- Manifestazioni collaterali inderdisciplinari
- Possibilità di tirocinio in Germania
- Piccoli gruppi, tutoring intensivo 


Obiettivi formativi della Laurea triennale
Il particolare profilo del curriculum degli Studi Italo-Tedeschi (classe L11) / Internationaler Exzellenz-Studiengang Deutsch-Italienische Studien (B.A.) presso le Università di Bonn e Firenze è il risultato di un orientamento culturale binazionale. In modo particolare si studiano nella stessa misura le due principali materie "Italianistica" e "Germanistica" abbracciandone i contenuti linguistici, letterari, culturali e mediali. Il tedesco oltre che in Germania si parla anche in Austria e nella Confederazione Elvetica.

L'obiettivo fondamentale degli Studi Italo-Tedeschi consiste proprio nella mediazione dei presupposti filologici e culturali e dell'acquisizione di un metodo sia sul piano interdisciplinare sia su quello interculturale.
Attraverso l'orientamento contrastivo previsto dagli Studi Italo-Tedeschi che pone la Filologia tedesca da un lato e quella italiana dall' altro e, attraverso lo studio condotto in un'Università tedesca e in una italiana, i laureati avranno le competenze in due diversi ambiti culturali e saranno in grado di proseguire i loro studi sia in Germania che in Italia o di intraprendere un lavoro.
Gli studenti avranno inoltre la possibilità di approfondire le loro conoscenze in un'ulteriore lingua straniera per poter soddisfare le richieste che nell'Unione Europea si rivolgono contemporaneamente alla ricerca e al mercato del lavoro. L'orientamento culturale binazionale degli Studi Italo-Tedeschi offre ai laureati una vasta gamma di possibili sbocchi professionali. Vengono acquisite competenze nei settori dove è presente la figura dell'operatore culturale, negli ambiti della mediazione e del management culturale.

Negli ultimi tempi risulta sempre più chiaro come le competenze culturali e linguistiche trasmesse da discipline quali la Germanistica e l'Italianistica rappresentino allo stesso tempo qualcosa di molto importante per acquisire un'identità significativa in quel cambiamento strutturale permanente che ha luogo nella società della comunicazione e dell'informazione.
Nel settore dei media, della pubblicità, in quello delle pubbliche relazioni, nel marketing, nella consulenza aziendale e privata e in tutti gli ambiti economici non c'è solo calcolo e produzione, ma anche creazione, organizzazione e comunicazione, e queste competenze chiavi richieste vengono acquisite prevalentemente con le conoscenze e le competenze linguistiche, culturali e letterarie: entrando velocemente in contatto con complessi contesti linguistici, lavori di ricerca autonoma e soprattutto stabilendo un rapporto creativo con la lingua. Nello specifico degli Studi Italo-Tedeschi ulteriori meriti sono da attribuire fin dall'inizio ad un'alta formazione interculturale, e alla padronanza di diverse lingue.
Per aprirsi in breve tempo la strada verso un possibile ambito professionale durante il corso triennale di Studi Italo-Tedeschi è previsto un tirocinio. Il Bonner Italien-Zentrum e l'Orientamento allo Studio a Firenze aiutano gli studenti nella ricerca di posti dove svolgere un tirocinio in Germania o in Italia.
Per quanto concerne la parte culturale, questa viene acquisita studiando discipline affini a quelle della Facoltà di Filosofia. Inoltre avvengono regolarmente offerte proposte extra-curriculari, come ad esempio incarichi di insegnamento per la comunicazione interculturale e per il management culturale.

Lo scambio di docenti esperti delle due Università partner permette sia agli studenti come ai docenti di entrambe le Università, di costruire e curare solide relazioni internazionali, affinchè l'internazionalità d'insegnamento e ricerca diventino la regola nell'ambito di questo Corso di Studi.


Obiettivi della Laurea magistrale
Il Piano di studio programmato di Studi italo-tedeschi implica una padronanza, sia attiva che passiva, della lingua, della letteratura e della cultura italiana e tedesca, anche attraverso l'utilizzo di strumenti informatici, telematici e multimediali.

L'obiettivo fondamentale degli Studi Italo-Tedeschi consiste nella mediazione di conoscenze filologiche e culturali, sia sul piano interdisciplinare che su quello interculturale. Attraverso l'orientamento contrastivo, previsto dagli studi, che pone la Filologia tedesca da un lato e quella italiana dall'altro, e attraverso lo studio condotto in una Università tedesca e in una italiana, i laureati sono in grado di trattare in maniera scientifica le differenze tra le due nazioni. La solida formazione letteraria e linguistica fornisce un determinato metodo di lavoro, riflessivo e metodicamente adeguato agli ambiti fondamentali delle due scienze.
Attraverso il confronto produttivo con nuovi percorsi letterari e culturali e sistemi linguistici si sviluppa il metodo scientifico dello studio e della ricerca. La Laurea magistrale dà inoltre la possibilità di accedere agli Indirizzi Internazionali di Dottorato e ad una specializzazione verso settori elevati anche in campo non scientifico. Sono messe in evidenza le competenze richieste da ambiti dove è presente la figura dell'operatore culturale, e dove sono previsti la mediazione ed il management culturale.

Negli ultimi tempi risulta sempre più chiaro che competenze culturali e linguistiche trasmesse da discipline quali la Germanistica e l'Italianistica rappresentino allo stesso tempo qualcosa di molto importante per acquisire un'identità significativa in quel cambiamento strutturale permanente che ha luogo nella società della comunicazione e dell'informazione.
Non solo nel settore dei media, ma anche nella pubblicità, nelle pubbliche relazioni, nel marketing, nella consulenza aziendale e privata, e in tutti quegli ambiti economici dove non c'è solo calcolo e produzione, ma anche creazione, organizzazione e comunicazione, vengono richieste competenze chiavi che sono acquisite prevalentemente con conoscenze linguistiche, culturali e letterarie. Questo è possibile perché si entra velocemente in contatto con complessi contesti linguistici, lavori di ricerca autonoma e soprattutto si sviluppa un rapporto creativo con la lingua. Nello specifico percorso di Studi Italo-Tedeschi ulteriori valori sono anche un'alta competenza interculturale e la padronanza di diverse lingue.


Ulteriori informazioni
 - Brochure (versione italiana; versione tedesca): Maria Fancelli, Rita Svandrlik, Paul Geyer (a cura di), Studi Italo-Tedeschi / Deutsch-Italienische Studien, BSFM - Strumenti 1, Dipartimento di Filologia Moderna - Università degli Studi di Firenze, Firenze 2007.
La redazione del testo viene realizzata colla collaborazione del Centro di Studi Italo-Tedeschi di Bonn e del Laboratorio editoriale open access del Dipartimento di Lingue, letterature e culture comparate.
- Opuscoli di presentazione (manifesto; volantino).

 
ultimo aggiornamento: 27-Mag-2016
Unifi Home Page

Inizio pagina