Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
LILSI Dipartimento di Lingue, Letterature e Studi Interculturali

JEMS - LEA - SIJIS



PAGINA WEB IN COSTRUZIONE

 


BSFM - Le riviste: JEMS, LEA, SIJIS
Studi Irlandesi. A Journal of Irish Studies (SIJIS)

 

Le riviste di "Biblioteca di Studi di Filologia Moderna" (BSFM) attualmente sono LEA - Lingue e Letterature d'Oridente e d'Occidente (LEA), Journal of Early Modern Studies (JEMS) e Studi Irlandesi. A Journal of Irish Studies (SIJIS), tutte e tre 'di proprietà dell'ateneo', per volontà del Dipartimento (nel 1999-2009 Dipartimento di Filologia Moderna, nel 2010-2012 Dipartimento di Lingue, Letterature e Culture Comparate, dal 1° gennaio 2013 Dipartimento di Lingue, Letterature e Studi Interculturali) che le ha promosse all'interno di un ampio progetto elaborato nell'ambito del suo Coordinamento Editoriale e alla cui realizzazione concreta provvede il Laboratorio Editoriale Open Access dello stesso Dipartimento, sulla base di un protocollo d'intesa e di una specifica convenzione editoriale stipulati con la casa editrice dell'ateneo, la Firenze University Press (nel 2006-2008 utilizzando la formula della 'co-edizione', dal 2009 quella del 'laboratorio editoriale') che adotta un Processo di certificazione della qualità scientifica delle Opere.
Le tre riviste pubblicano quindi contributi esclusivamente peer reviewed, sono sponsorizzate e finanziate dall'Università di Firenze e vengono pubblicate in rete, open access, sulla piattaforma Open Journal System (OJS) messa a disposizione dalla Firenze University Press. Una delle caratteristiche innovative delle tre riviste JEMS, LEA e SIJIS, così come di tutta l'attività editoriale legata al Coordinamento BSFM, è il loro essere dei prodotti del Laboratorio Editoriale Open Access del Dipartimento, un gruppo di lavoro costituito da studenti, dottorandi, dottori di ricerca e assegnisti legati al medesimo Dipartimento e che nel suo ambito sono stati preparati all'attività editoriale sia in termini ampi (intendendo con ciò le conoscenze giuridico-editoriali essenziali, la storia e le attualità dello sviluppo del 'nuovo libro', la ricerca scientifica a questo legata, le culture che oggi contribuiscono a creare nessi concettuali e pratici tra il patrimonio culturale e la netBildung), sia nei termini concreti dell'editing e dell'elaborazione dei testi.

Le scelte strategiche del Coordinamento Editoriale delineano una prima serie di obiettivi, tra cui: 
- la drastica riduzione dei costi realizzata peraltro attraverso la ricaduta positiva dell'addestramento dei giovani che prosegue la loro preparazione specifica nel campo delle discipline scelte nel corso degli studi universitari e del dottorato di ricerca verso una ulteriore competenza, quella nell'editoria digitale e del campo del lavoro culturale; 
- l'accesso alle riviste fuori dai confini nazionali e specialistici;
- l'atteggiamento delle riviste a libera piattaforma di incontro e di discussione.
 
La scelta dell'adozione esclusiva della lingua inglese (nel caso di JEMS), del bilinguismo italo-inglese (nel caso di SIJIS) e del (progressivo) plurilinguismo (nel caso di LEA), la composizione internazionale e interdisciplinare dei Comitati scientifici e l'ambito europeo (JEMS e SIJIS) e mondiale (LEA) dei contenuti rappresentano strategie di internazionalizzazione che si pongono l'obiettivo di realizzare la più ampia diffusione intesa come reteizzazione del lavoro accademico d'area umanistica e l'impatto più significativo possibile. Conviene mettere in rilievo la complessa articolazione delle varie autorialità che concorrono alla realtà, ogni volta, del fascicolo: il direttore scientifico della rivista che sceglie le tematiche e l'impostazione dei fascicoli; l'eventuale curatore selezionato tra noti studiosi di varie nazionalità, esperti nell'ambito dei temi scelti, che appronta il singolo fascicolo articolandone i contenuti; gli autori dei singoli contributi testuali o iconografici; gli autori delle traduzioni.
Il progetto BSFM Riviste prevede la possibilità di programmare, per ogni singolo numero delle tre riviste e senza ulteriori costi, quattro volumi monografici o pluritematici, di dimensioni contenute, potenzialmente di carattere multimediale e forniti di specifici servizi editoriali. I Quaderni di LEA vogliono essere una mini-serie (Scrittori d'Oriente e d'Occidente) in una prospettiva weltliterarisch, quelli di JEMS e di SIJIS rappresentano approfondimenti tematici e escursioni nell'habitat letterario-artistico).
Le caratteristiche sopra delineate delle tre riviste - che esse condividono pienamente preservando la diversità che loro deriva dalle aree scientifiche di riferimento - producono un'esperienza pressoché unica: la combinazione di accessibilità on line aperta a tutti i potenziali lettori e di sperimentalità nella realizzazione, l'orientamento internazionale nei contenuti, nella composizione dei comitati scientifici e in quella degli autori di ciascun volume e, non ultima, la pluridisciplinarità non sono, infatti, facilmente riscontrabili, in questa combinazione, né all'estero né in Italia. (bt)
 
 
 
ultimo aggiornamento: 06-Feb-2013
Unifi Home Page

Inizio pagina